Semlor,panini svedesi di carnevale

51495298_408893389918222_2197495750433177600_n

51417486_360541208114243_6382625296561995776_n(1)

Buongiorno e buon venerdì! Oggi un altro dolce di carnevale allieta la mia tavola! Sto parlando dei semlor ,dolcetti tipici dei paesi scandinavi,in particolare della Svezia, anche se sono conosciuti con nomi diversi anche in Danimarca e in Finlandia. Sono esattamente dei piccoli panini morbidissimi e leggermente dolci ,molto simili ai nostri maritozzi,aromatizzati al cardamomo e con un goloso ripieno di crema pasticcera arricchita di marzapane e panna montata,spolverizzati infine di zucchero a velo. Se capitate in Svezia durante i mesi più freddi e in particolare proprio durante il periodo di carnevale, in tutti i caffè,ristoranti e pasticcerie che si rispetti,si possono gustare questi deliziosi panini ,sopratutto durante la pausa dalla quotidiana ordinarietà che gli svedesi chiamano fika. Gli svedesi ne vanno letteralmente matti!! Durante questo periodo ne vengono consumati circa 40 milioni in tutta la nazione! La storia narra che addirittura, nel 1771, re Adolfo Federico è morto dopo averne mangiati 14 per dessert! Il nome deriva dalla parola latina “semilia”, una farina di frumento di primissima qualità. Originariamente il Semla è nato per festeggiare il Martedì grasso, prima dell’inizio del lungo periodo di restrizioni alimentari che caratterizzano la Quaresima. Probabilmente, il suo consumo aveva anche un valore simbolico per l’apporto consistente di calorie.  Questi soffici panini vengono tagliati a metà ,svuotati leggermente nella parte inferiore per essere farciti con una squisita crema pasticcera arricchita con pasta di mandorle e briciole di mollica ed infine abbondante panna montata, poi una volta riposizionata la calotta sulla panna si procede a  spolverizzare con zucchero a velo. Si mangiano freschi accompagnati  da una bella tazza di caffè scuro,che con la sua nota amara ,contrasta la grande dolcezza dei semlor.C’è anche chi preferisce metterli in una ciotola di latte caldo e mangiarli con il cucchiaio ,come delle brioche. Mi hanno incuriosita molto per la presenza del cardamomo e del marzapane all’interno della crema ,anche se pensavo fossero eccessivamente dolci e stucchevoli,invece mi sono ricreduta…sono assolutamente deliziosi!! Soffici soffici,appena profumati di cardamomo e con una dolcezza del ripieno molto equilibrata.

Pronti per scoprire come si preparano?? La ricetta è tratta dal libro di Bronte Aurell “Scandikitchen Fika e Hygge”.

51871555_311183862871155_4603915280127623168_n

51525143_375020739963837_498403144787558400_n

Continua a leggere

Boules de Berlin

49781587_2290195131202000_5863991794953355264_n(1)

51136441_389799578443010_119662526215487488_n

Non amo molto il Carnevale,non so il perchè,eppure da piccola mi piaceva tanto,mi divertivo a vestirmi in maschera,da principessa,damina o ballerina di flamenco e partecipavo felice alle sfilate per le strade della mia città insieme ad altri bambini, accompagnata da una mia cara zia paterna..quanto era bello! Il pomeriggio del martedì grasso,poi,si concludeva con una piccola festa che mia mamma organizzava a casa con amici e cugini e dove c’era ogni ben di Dio…dolci a volontà,sopratutto dolci fritti,chiacchiere e bomboloni caldi caldi..che ricordi splendidi!! Se adesso il Carnevale non lo amo i dolci fritti quelli si..li adoro!! Ogni anno durante questo periodo preparo sempre almeno uno o due titpi di dolci fritti, le chiacchiere ,quelle sempre,e poi mi piace provare un dolce tipico di altre regioni italiane o anche di altre parti del mondo. Quest’anno ho voluto provare le Boules de Berlin…le conoscete?! Sono dei dolci soffici di origine austro-tedesca,a base di pasta lievitata,tondi ,di solito fritti,ricoperti di zucchero semolato e ripieni di confettura di lamponi. Si preparano principalmente la vigilia di San Silvestro o durante il periodo di Carnevale, ma oramai si possono trovare tutto l’anno nelle pasticcerie tedesche. Sono molto simili ai nostri bomboloni ma con delle piccolissime differenze,prima di tutto sono più piccole e poi l’impasto risulta più dolce e goloso,meno compatto molto più soffice, leggero quasi fosse una brioche. La ricetta di queste meravigliose bontà è tratta dal libro “Soffice soffice trecce ciambelle e dolci lievitati” di Morena Roana del blog Menta e cioccolato e lei gentilmente mi ha permesso di pubblicarla . Morena è davvero bravissima, è una maga dei lievitati e su questo libro splendido ci sono tante sue ricette bellissime e gustose di lievitati d’ogni tipo…vi consiglio di leggerlo. La ricetta di queste golosità è fantastica,molto facile e veloce non presenta grandi difficoltà,l’impasto si incorda facilmente e lievita senza problemi…il risultato sarà un successo! Buoles de Berlin sofficissime, dorate, di quella consistenza talmente morbida,leggera e areata che sembra cotone e con un cuore squisito di confettura di lamponi che costringe a chiudere gli occhi all’assaggio. Sono andate a ruba,se poi li gustate ancora calde sono una vera  tentazione..una tira l’altra!! Volendo si possono farcire con crema pasticcera al limone o al cioccolato,o con nutella,sono l’ideale per le feste o le merende con i bimbi. Inoltre si possono cuocere al forno per un risultato più leggero ma ugualmente goloso e soffice.

Dovete assolutamente provarli,vi conquisteranno!!

Continua a leggere

Red velvet cake

50818621_1976529552401081_4686505431055466496_n

50337669_2193781694205058_2977501595668840448_n

Buongiorno!! Oggi vi parlo della Red velvet cake, (letteralmente “torta di velluto rosso”),uno dei dolci americani più famosi del web, l’inconfondibile torta dal colore rosso brillante farcita con un bianchissimo frosting al formaggio: un accostamento cromatico che la rende perfetta come dolce delle feste.Ma non è solo il colore che rende questa torta speciale: anche l’assenza di lievito sostituito da bicarbonato e aceto che contribuiscono alla lievitazione della torta senza influire sul gusto rende particolare la Red Velvet.Nonostante il suo aspetto, è una torta che si può tranquillamente fare a casa seguendo alcuni importanti passaggi che la renderanno perfetta. Una torta soffice e umida al punto giusto senza bisogno di essere bagnata, una torta dal sapore vellutato che letteralmente si scioglie in bocca,  da preparare per le feste ma anche per essere gustata a merenda con un buon thè o a fine pranzo o a fine cena. io ho farcito la mia red velvet con una soffice crema al mascarpone e panna aromatizzata alla vaniglia,dal sapore delicato che ben si abbina con questo dolce.

Continua a leggere